[GUIDA] Installare jdownloader e molto altro con Docker

Guide, Tips, Manuali.
Rispondi
Avatar utente
elisky
Utente
Utente
Messaggi: 51
Iscritto il: domenica 29 giugno 2008, 1:21

[GUIDA] Installare jdownloader e molto altro con Docker

Messaggio da elisky » sabato 17 novembre 2018, 12:47

Salve ragazzi premetto che quello che elencherò di seguito non è una vera e propria guida sull'utilizzo di Docker ma un resoconto della mia esperienza personale nell'installazione di alcune applicazioni che volevo utilizzare sul mio NAS.
L'esempio che andrò ad illustrare è l'installazione di JDownloader 2.
Ma come JDownloader2 esiste già nell'elenco dei pacchetti sorgente di "https://spk.netzbaer.de/" quindi che cavolo dici?
Sì avete ragione ma andiamo per ordine...
Piccola spiegazione personale di Docker. Docker è un esecutore di contenitori. Cosa sono i contenitori? Immaginate una scatola che contiene al suo interno tutto il necessario per far girare JDownloader2 o Filezilla o Handbrake o qualsiasi altra applicazione (esistono migliaia di contenitori) senza dover installare un sistema operativo. Qual è la differenza tra Docker e VMM? Semplice! Prendiamo per esempio Filezilla: il suo contenitore pesa appena 158MB mentre se devo installare questa app direttamente da NAS devo installare prima Windows o Linux e successivamente installare Filezilla dall'OS occupando la CPU in maniera pesante senza considerare lo spazio utilizzato dal disco immagine del sistema operativo installato e della RAM utilizzata, e noterete che la CPU impegnata da questo contenitore è appena lo 0,1% e di RAM utilizzata appena 19MB! Ditemi se è poco!
Cominciamo!
Installate e aprite Docker...
Una volta aperta l'app dirigetevi nella sezione Registro ed inserite nel campo di ricerca jlesage
Schermata_02.png
Registro
Schermata_02.png (124.8 KiB) Visto 1553 volte
vi appariranno tutte le app disponibili di questo autore. Perché ho scelto questo autore? Se cliccate sulla freccina affianco al nome della app sarete indirizzati direttamente alla pagina di configurazione del contenitore dove troverete tutte le indicazione che pian piano vi indicherò e alcune, vi anticipo, non sarò in grado di spiegarvele, quindi accontentatevi... ;)
Cliccate 2 volte su jlesage/jdownloader-2 inizierete a scaricare l'immagine del contenitore, quindi selezionate la voce immagine e vedrete una schermata del genere
Schermata_03.png
Immagine
Schermata_03.png (80.07 KiB) Visto 1553 volte
Bene siamo già a buon punto!
Una volta che ha terminato di scaricare l'immagine cliccate due volte sull'immagine è inizierete così l'installazione del contenitore. Non ho prodotto immagini sull'installazione ma dovete semplicemente dare un nome al contenitore e andate avanti nell'installazione avendo l'accortezza di non far partire il contenitore alla fine dell'installazione. Alla fine dell'installazione avrete una cosa del genere selezionando la sezione contenitore
Schermata_04.png
Contenitore
Schermata_04.png (92.49 KiB) Visto 1553 volte
Nel mio caso è in esecuzione mentre nel vostro sarà fermo. OK adesso selezioniamo il contenitore e clicchiamo su modifica.
Io ho abilitato solo Abilita riavvio automatico perché nel caso in cui il NAS dovesse spegnersi e riavviarsi in automatico farà partire anche il contenitore JDownloader2 automaticamente.
Adesso spostiamoci nella sezione Volume
Schermata_07.png
Volume
Schermata_07.png (47.17 KiB) Visto 1553 volte
Come vi ho già spiegato precedentemente se visionate la pagina di impostazione di JDownloader2 da parte dell'autore vedrete che vi sono elencate delle righe di comando (lui fa riferimento all'installazione di Docker sui sistemi operativi di tipo Windows, Linux o OSX) ma noi riporteremo questi comandi direttamente nelle cartelle apposite.
Quindi creiamo dal pannello di controllo del vostro NAS una cartella (io l'ho chiamata JDownloader) all'interno del volume docker che è stato creato dopo l'installazione di Docker. Al suo interno creiamo 2 cartelle denominate output e config e riportiamo il tutto come indicato in figura (per associare la cartella dovete premere su Aggiungi cartella ed inserire il percorso manualmente).
Ora ci sono da impostare le porte per poter accedere sia da locale sia da remoto a JDownloader2. Il contenitore viene impostato con porte Automatico ma questo vi costringe ogni volta a verificare la porta che Docker applica in automatico, quindi manualmente assegnate una porta "libera" così ogni volta vi basterà digitare il link "http://vostro_indirizzo_locale_o_web:porta_scelta" e vi collegherete direttamente al contenitore. Io non vi dico le mie porte per ovvi motivi ma penso che questo passaggio è abbastanza semplice avete oltre 65000 porte a vostra disposizione!
Ora per terminare c'è un ultimo passaggio le variabili del contenitore, quindi recatevi nella sezione Ambiente e vedrete una cosa del genere
Schermata_09.png
Ambiente
Schermata_09.png (71.05 KiB) Visto 1553 volte
Le uniche due variabili che io ho inserito sono VNC_PASSWORD e TZ, rispettivamente la password per il collegamento da remoto e il Time Zone per indicare dove mi trovo nel globo.
Abbiamo finito!!!
Adesso cliccate su applica e lanciate il contenitore appena modificato. Date a Docker un minuto per avviare JDowloader e collegatevi all'indirizzo in locale o sul web se avete un DDNS e ricordatevi di digitare la porta che voi avete inserito manualemente precedentemente e Docker in automativo vi reindirizzerà alla 5800 (quella che lui utilizza da remoto è questa: la 5800).
MAGIA! Avete di fronte JDownloader2 come se stesse girando sul vostro PC, cliccate su aggiornamenti e aspettate che si aggiorni all'ultima versione (già effettua anche gli aggiornamenti!), fatto questo potete divertirvi come volete. Potete collegarlo anche a MyJDownloader e come potete notare dalla panoramica di Docker l'utilizzo di CPU e RAM è bassissimo.
Per copiare i link avete nella finestra del browser (che potete modificare come risoluzione da Ambiente con la variabile DISPLAY_WIDTH e DISPLAY_HEIGHT) in alto a destra la voce CLIPBOARD. Vi basterà cliccare su questo pulsante inserire i link che volete condividere con il contenitore e voilà JDownloader2 in automatico catturerà i collegamenti appena inseriti.
Tutto questo procedimento l'ho effettuato anche per Handbrake, FileZilla e MakeMKV sempre dello stesso autore, ma se vedete i vari contenitori ha anche altre applicazioni che potete utilizzare con una dettagliata spiegazione dell'installazione.
Spero di esservi stato utile ed è ovvio che qualsiasi altro suggerimento da parte di qualcuno più esperto di me è sempre ben accetto.
Purtroppo sono stato limitato dalle immagini che posso inserire, altrimenti avrei fatto un resoconto di screenshot maggiore.
Grazie per l'attenzione e un saluto a tutti voi!
  • UPS: APC BR550GI
  • GTW: ASUS AC68U ISP: [ADSL] IP:[Public]
  • SWC: 2/TP-Link 8 porte 10/100/1000
  • NAS: DS918+, DSM [6.2.x] 12GB; Storage HDD 3TB WD RED (SHR 4x3TB)
  • CLI: Mac 21" 6GB ram, Lenovo i7 Z50 8GB ram 4GB video
  • 2 smarphone Huawei, Samsug TV 6500, Soundbar Samsung, Tablet Samsung, HUB USB 10 porte alimentato

Avatar utente
burghy86
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9200
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 18:59

Re: [GUIDA] Installare jdownloader e molto altro con Docker

Messaggio da burghy86 » lunedì 19 novembre 2018, 10:02

ottima guida. grazie mille per la tua condivisone.
ti ho spostato in sezione guide e modifica il titolo cosi che sia subito fruibile
ATTENZIONE PRIMA DI POSTARE
Passare dalla sezione presentazioni e leggere il regolamento firma obbligatorio

siamo una community, aiutateci a sentirci parte di qualcosa e non un helpdesk
Non do aiuto in privato ma sul forum a tutti!!
Un grazie ci spinge a lavorare meglio
------------------------------------------------------------
  • UPS: apc
  • GTW: netgear dgn2200 o TP-LINK TD-W8970 ISP: [ADSL] intred(20000/1024/0) IP:[pubblico]
  • SWC: hp gigabit 8 porte with poe
  • NAS: ds213, ds213j,ds210j,ds413j, ds215j, ds415+ dmv dal 5.2 alla 6. qnap ts212p ts22, all hd con wdred da 2/6tb
  • CLI: xpsp3, seven pro 64bit, win 8.1 64bit, mac, win 10
    [altro]
  • 3 smartphone android, un iphone5,lettore bd with allshare samsung, vodafone tv, raspberry p2 e p3

Avatar utente
elisky
Utente
Utente
Messaggi: 51
Iscritto il: domenica 29 giugno 2008, 1:21

Re: [GUIDA] Installare jdownloader e molto altro con Docker

Messaggio da elisky » martedì 20 novembre 2018, 16:37

burghy86 ha scritto:
lunedì 19 novembre 2018, 10:02
ottima guida. grazie mille per la tua condivisone.
ti ho spostato in sezione guide e modifica il titolo cosi che sia subito fruibile
OK grazie
  • UPS: APC BR550GI
  • GTW: ASUS AC68U ISP: [ADSL] IP:[Public]
  • SWC: 2/TP-Link 8 porte 10/100/1000
  • NAS: DS918+, DSM [6.2.x] 12GB; Storage HDD 3TB WD RED (SHR 4x3TB)
  • CLI: Mac 21" 6GB ram, Lenovo i7 Z50 8GB ram 4GB video
  • 2 smarphone Huawei, Samsug TV 6500, Soundbar Samsung, Tablet Samsung, HUB USB 10 porte alimentato

davidegalax
Utente
Utente
Messaggi: 1
Iscritto il: mercoledì 3 aprile 2019, 13:28

Re: [GUIDA] Installare jdownloader e molto altro con Docker

Messaggio da davidegalax » mercoledì 3 aprile 2019, 13:48

elisky ha scritto:
sabato 17 novembre 2018, 12:47
Salve ragazzi premetto che quello che elencherò di seguito non è una vera e propria guida sull'utilizzo di Docker ma un resoconto della mia esperienza personale nell'installazione di alcune applicazioni che volevo utilizzare sul mio NAS.
L'esempio che andrò ad illustrare è l'installazione di JDownloader 2.
Ma come JDownloader2 esiste già nell'elenco dei pacchetti sorgente di "https://spk.netzbaer.de/" quindi che cavolo dici?
Sì avete ragione ma andiamo per ordine...
Piccola spiegazione personale di Docker. Docker è un esecutore di contenitori. Cosa sono i contenitori? Immaginate una scatola che contiene al suo interno tutto il necessario per far girare JDownloader2 o Filezilla o Handbrake o qualsiasi altra applicazione (esistono migliaia di contenitori) senza dover installare un sistema operativo. Qual è la differenza tra Docker e VMM? Semplice! Prendiamo per esempio Filezilla: il suo contenitore pesa appena 158MB mentre se devo installare questa app direttamente da NAS devo installare prima Windows o Linux e successivamente installare Filezilla dall'OS occupando la CPU in maniera pesante senza considerare lo spazio utilizzato dal disco immagine del sistema operativo installato e della RAM utilizzata, e noterete che la CPU impegnata da questo contenitore è appena lo 0,1% e di RAM utilizzata appena 19MB! Ditemi se è poco!
Cominciamo!
Installate e aprite Docker...
Una volta aperta l'app dirigetevi nella sezione Registro ed inserite nel campo di ricerca jlesage Schermata_02.png vi appariranno tutte le app disponibili di questo autore. Perché ho scelto questo autore? Se cliccate sulla freccina affianco al nome della app sarete indirizzati direttamente alla pagina di configurazione del contenitore dove troverete tutte le indicazione che pian piano vi indicherò e alcune, vi anticipo, non sarò in grado di spiegarvele, quindi accontentatevi... ;)
Cliccate 2 volte su jlesage/jdownloader-2 inizierete a scaricare l'immagine del contenitore, quindi selezionate la voce immagine e vedrete una schermata del genere Schermata_03.png
Bene siamo già a buon punto!
Una volta che ha terminato di scaricare l'immagine cliccate due volte sull'immagine è inizierete così l'installazione del contenitore. Non ho prodotto immagini sull'installazione ma dovete semplicemente dare un nome al contenitore e andate avanti nell'installazione avendo l'accortezza di non far partire il contenitore alla fine dell'installazione. Alla fine dell'installazione avrete una cosa del genere selezionando la sezione contenitore Schermata_04.png
Nel mio caso è in esecuzione mentre nel vostro sarà fermo. OK adesso selezioniamo il contenitore e clicchiamo su modifica.
Io ho abilitato solo Abilita riavvio automatico perché nel caso in cui il NAS dovesse spegnersi e riavviarsi in automatico farà partire anche il contenitore JDownloader2 automaticamente.
Adesso spostiamoci nella sezione Volume Schermata_07.png
Come vi ho già spiegato precedentemente se visionate la pagina di impostazione di JDownloader2 da parte dell'autore vedrete che vi sono elencate delle righe di comando (lui fa riferimento all'installazione di Docker sui sistemi operativi di tipo Windows, Linux o OSX) ma noi riporteremo questi comandi direttamente nelle cartelle apposite.
Quindi creiamo dal pannello di controllo del vostro NAS una cartella (io l'ho chiamata JDownloader) all'interno del volume docker che è stato creato dopo l'installazione di Docker. Al suo interno creiamo 2 cartelle denominate output e config e riportiamo il tutto come indicato in figura (per associare la cartella dovete premere su Aggiungi cartella ed inserire il percorso manualmente).
Ora ci sono da impostare le porte per poter accedere sia da locale sia da remoto a JDownloader2. Il contenitore viene impostato con porte Automatico ma questo vi costringe ogni volta a verificare la porta che Docker applica in automatico, quindi manualmente assegnate una porta "libera" così ogni volta vi basterà digitare il link "http://vostro_indirizzo_locale_o_web:porta_scelta" e vi collegherete direttamente al contenitore. Io non vi dico le mie porte per ovvi motivi ma penso che questo passaggio è abbastanza semplice avete oltre 65000 porte a vostra disposizione!
Ora per terminare c'è un ultimo passaggio le variabili del contenitore, quindi recatevi nella sezione Ambiente e vedrete una cosa del genere Schermata_09.png
Le uniche due variabili che io ho inserito sono VNC_PASSWORD e TZ, rispettivamente la password per il collegamento da remoto e il Time Zone per indicare dove mi trovo nel globo.
Abbiamo finito!!!
Adesso cliccate su applica e lanciate il contenitore appena modificato. Date a Docker un minuto per avviare JDowloader e collegatevi all'indirizzo in locale o sul web se avete un DDNS e ricordatevi di digitare la porta che voi avete inserito manualemente precedentemente e Docker in automativo vi reindirizzerà alla 5800 (quella che lui utilizza da remoto è questa: la 5800).
MAGIA! Avete di fronte JDownloader2 come se stesse girando sul vostro PC, cliccate su aggiornamenti e aspettate che si aggiorni all'ultima versione (già effettua anche gli aggiornamenti!), fatto questo potete divertirvi come volete. Potete collegarlo anche a MyJDownloader e come potete notare dalla panoramica di Docker l'utilizzo di CPU e RAM è bassissimo.
Per copiare i link avete nella finestra del browser (che potete modificare come risoluzione da Ambiente con la variabile DISPLAY_WIDTH e DISPLAY_HEIGHT) in alto a destra la voce CLIPBOARD. Vi basterà cliccare su questo pulsante inserire i link che volete condividere con il contenitore e voilà JDownloader2 in automatico catturerà i collegamenti appena inseriti.
Tutto questo procedimento l'ho effettuato anche per Handbrake, FileZilla e MakeMKV sempre dello stesso autore, ma se vedete i vari contenitori ha anche altre applicazioni che potete utilizzare con una dettagliata spiegazione dell'installazione.
Spero di esservi stato utile ed è ovvio che qualsiasi altro suggerimento da parte di qualcuno più esperto di me è sempre ben accetto.
Purtroppo sono stato limitato dalle immagini che posso inserire, altrimenti avrei fatto un resoconto di screenshot maggiore.
Grazie per l'attenzione e un saluto a tutti voi!
Ciao ti ringrazio per la guida è proprio quello che stavo cercando.. però ho dei problemi e spero di risolverli..
1: non riesco a collegarmi al contenitore imposto la porta ma ogni volta che provo a collegarmi da browser mi esce "Firefox non può stabilire una connessione con il server 192.168.1.176:(numero porta)".. spero di non sbagliare a sto punto ad impostarla anche se ci ho provato in diversi modi..
es: "impostazioni porta" --- setto porta locale "xxxx" e porta contenitore "xxxx" in tcp e faccio anche la riga per udp.

2: per collegarsi tramite vnc basta usare vnc viewer e mettere lo stesso link che si scrive nel browser?

Grazie in anticipo per la risposta

Avatar utente
elisky
Utente
Utente
Messaggi: 51
Iscritto il: domenica 29 giugno 2008, 1:21

Re: [GUIDA] Installare jdownloader e molto altro con Docker

Messaggio da elisky » lunedì 15 aprile 2019, 15:02

davidegalax ha scritto:
mercoledì 3 aprile 2019, 13:48
elisky ha scritto:
sabato 17 novembre 2018, 12:47
Salve ragazzi premetto che quello che elencherò di seguito non è una vera e propria guida sull'utilizzo di Docker ma un resoconto della mia esperienza personale nell'installazione di alcune applicazioni che volevo utilizzare sul mio NAS.
L'esempio che andrò ad illustrare è l'installazione di JDownloader 2.
Ma come JDownloader2 esiste già nell'elenco dei pacchetti sorgente di "https://spk.netzbaer.de/" quindi che cavolo dici?
Sì avete ragione ma andiamo per ordine...
Piccola spiegazione personale di Docker. Docker è un esecutore di contenitori. Cosa sono i contenitori? Immaginate una scatola che contiene al suo interno tutto il necessario per far girare JDownloader2 o Filezilla o Handbrake o qualsiasi altra applicazione (esistono migliaia di contenitori) senza dover installare un sistema operativo. Qual è la differenza tra Docker e VMM? Semplice! Prendiamo per esempio Filezilla: il suo contenitore pesa appena 158MB mentre se devo installare questa app direttamente da NAS devo installare prima Windows o Linux e successivamente installare Filezilla dall'OS occupando la CPU in maniera pesante senza considerare lo spazio utilizzato dal disco immagine del sistema operativo installato e della RAM utilizzata, e noterete che la CPU impegnata da questo contenitore è appena lo 0,1% e di RAM utilizzata appena 19MB! Ditemi se è poco!
Cominciamo!
Installate e aprite Docker...
Una volta aperta l'app dirigetevi nella sezione Registro ed inserite nel campo di ricerca jlesage Schermata_02.png vi appariranno tutte le app disponibili di questo autore. Perché ho scelto questo autore? Se cliccate sulla freccina affianco al nome della app sarete indirizzati direttamente alla pagina di configurazione del contenitore dove troverete tutte le indicazione che pian piano vi indicherò e alcune, vi anticipo, non sarò in grado di spiegarvele, quindi accontentatevi... ;)
Cliccate 2 volte su jlesage/jdownloader-2 inizierete a scaricare l'immagine del contenitore, quindi selezionate la voce immagine e vedrete una schermata del genere Schermata_03.png
Bene siamo già a buon punto!
Una volta che ha terminato di scaricare l'immagine cliccate due volte sull'immagine è inizierete così l'installazione del contenitore. Non ho prodotto immagini sull'installazione ma dovete semplicemente dare un nome al contenitore e andate avanti nell'installazione avendo l'accortezza di non far partire il contenitore alla fine dell'installazione. Alla fine dell'installazione avrete una cosa del genere selezionando la sezione contenitore Schermata_04.png
Nel mio caso è in esecuzione mentre nel vostro sarà fermo. OK adesso selezioniamo il contenitore e clicchiamo su modifica.
Io ho abilitato solo Abilita riavvio automatico perché nel caso in cui il NAS dovesse spegnersi e riavviarsi in automatico farà partire anche il contenitore JDownloader2 automaticamente.
Adesso spostiamoci nella sezione Volume Schermata_07.png
Come vi ho già spiegato precedentemente se visionate la pagina di impostazione di JDownloader2 da parte dell'autore vedrete che vi sono elencate delle righe di comando (lui fa riferimento all'installazione di Docker sui sistemi operativi di tipo Windows, Linux o OSX) ma noi riporteremo questi comandi direttamente nelle cartelle apposite.
Quindi creiamo dal pannello di controllo del vostro NAS una cartella (io l'ho chiamata JDownloader) all'interno del volume docker che è stato creato dopo l'installazione di Docker. Al suo interno creiamo 2 cartelle denominate output e config e riportiamo il tutto come indicato in figura (per associare la cartella dovete premere su Aggiungi cartella ed inserire il percorso manualmente).
Ora ci sono da impostare le porte per poter accedere sia da locale sia da remoto a JDownloader2. Il contenitore viene impostato con porte Automatico ma questo vi costringe ogni volta a verificare la porta che Docker applica in automatico, quindi manualmente assegnate una porta "libera" così ogni volta vi basterà digitare il link "http://vostro_indirizzo_locale_o_web:porta_scelta" e vi collegherete direttamente al contenitore. Io non vi dico le mie porte per ovvi motivi ma penso che questo passaggio è abbastanza semplice avete oltre 65000 porte a vostra disposizione!
Ora per terminare c'è un ultimo passaggio le variabili del contenitore, quindi recatevi nella sezione Ambiente e vedrete una cosa del genere Schermata_09.png
Le uniche due variabili che io ho inserito sono VNC_PASSWORD e TZ, rispettivamente la password per il collegamento da remoto e il Time Zone per indicare dove mi trovo nel globo.
Abbiamo finito!!!
Adesso cliccate su applica e lanciate il contenitore appena modificato. Date a Docker un minuto per avviare JDowloader e collegatevi all'indirizzo in locale o sul web se avete un DDNS e ricordatevi di digitare la porta che voi avete inserito manualemente precedentemente e Docker in automativo vi reindirizzerà alla 5800 (quella che lui utilizza da remoto è questa: la 5800).
MAGIA! Avete di fronte JDownloader2 come se stesse girando sul vostro PC, cliccate su aggiornamenti e aspettate che si aggiorni all'ultima versione (già effettua anche gli aggiornamenti!), fatto questo potete divertirvi come volete. Potete collegarlo anche a MyJDownloader e come potete notare dalla panoramica di Docker l'utilizzo di CPU e RAM è bassissimo.
Per copiare i link avete nella finestra del browser (che potete modificare come risoluzione da Ambiente con la variabile DISPLAY_WIDTH e DISPLAY_HEIGHT) in alto a destra la voce CLIPBOARD. Vi basterà cliccare su questo pulsante inserire i link che volete condividere con il contenitore e voilà JDownloader2 in automatico catturerà i collegamenti appena inseriti.
Tutto questo procedimento l'ho effettuato anche per Handbrake, FileZilla e MakeMKV sempre dello stesso autore, ma se vedete i vari contenitori ha anche altre applicazioni che potete utilizzare con una dettagliata spiegazione dell'installazione.
Spero di esservi stato utile ed è ovvio che qualsiasi altro suggerimento da parte di qualcuno più esperto di me è sempre ben accetto.
Purtroppo sono stato limitato dalle immagini che posso inserire, altrimenti avrei fatto un resoconto di screenshot maggiore.
Grazie per l'attenzione e un saluto a tutti voi!
Ciao ti ringrazio per la guida è proprio quello che stavo cercando.. però ho dei problemi e spero di risolverli..
1: non riesco a collegarmi al contenitore imposto la porta ma ogni volta che provo a collegarmi da browser mi esce "Firefox non può stabilire una connessione con il server 192.168.1.176:(numero porta)".. spero di non sbagliare a sto punto ad impostarla anche se ci ho provato in diversi modi..
es: "impostazioni porta" --- setto porta locale "xxxx" e porta contenitore "xxxx" in tcp e faccio anche la riga per udp.

2: per collegarsi tramite vnc basta usare vnc viewer e mettere lo stesso link che si scrive nel browser?

Grazie in anticipo per la risposta
Ciao, perché vuoi utilizzare vnc viewer? Io quando mi connetto utilizzo "miosito.synology.me:(porta_utilizzata)" e in automatico, ovunque io mi trovi, si connette in remoto. Fai attenzione alla porta utilizzata perché il tuo NAS potrebbe utilizzarla per qualche altra risorsa e quindi andare in conflitto... Infatti io ho fatto diverse prove prima di utilizzare una porta libera. Fai diverse prove e vedrai che troverai la soluzione corretta. Per ovvi motivi non posso dirti la porta che utilizzo io...
  • UPS: APC BR550GI
  • GTW: ASUS AC68U ISP: [ADSL] IP:[Public]
  • SWC: 2/TP-Link 8 porte 10/100/1000
  • NAS: DS918+, DSM [6.2.x] 12GB; Storage HDD 3TB WD RED (SHR 4x3TB)
  • CLI: Mac 21" 6GB ram, Lenovo i7 Z50 8GB ram 4GB video
  • 2 smarphone Huawei, Samsug TV 6500, Soundbar Samsung, Tablet Samsung, HUB USB 10 porte alimentato

Rispondi

Torna a “GUIDE & TIPS”